Con le restrizioni ESMA i trader perdono più denaro.

L'ESMA, autorità europea di regolamentazione finanziaria, ha fornito maggiori dettagli sulla sua decisione di estendere le restrizioni al trading online in Europa per un secondo periodo di tre mesi. Le nuove regole ESMA che regolano il CFD leveraged e il trading Forex sono entrate in vigore il 1 ° agosto, con l'ESMA che annunciava alla fine di settembre che avrebbe rinnovato il periodo di tre mesi delle le nuove regole per (almeno) un secondo periodo di tre mesi, ovvero fino all'inizio di febbraio 2019. I primi tre mesi di restrizioni al trading online che risultati hanno dato? Con le restrizioni i trader hanno perso di meno? No al contrario, hanno perso più denaro che senza restrizioni. Quindi le restrizioni ESMA hanno fatto flop. 

L'ESMA nel decidere di continuare con le limitazioni, ha ammesso che, guardando il primo mese di implementazione (ad esempio, agosto 2018) e confrontando i dati di successo dei clienti con il mese di agosto precedente, la quota dei conti dei clienti retail redditizi è leggermente diminuita in base alle nuove regole. Tuttavia, l'ESMA ha ignorato il bilancio negativo delle restrizioni, attribuendo la diminuzione della redditività dei clienti non alle limitazioni imposte al mercato ma al fatto che i prezzi della criptovaluta erano saliti ad agosto 2017, con condizioni generali di mercato nell'agosto 2017 più rialziste rispetto ad agosto 2018, portando ad un trading più redditizio ad agosto 2017. Una motivazione che fa sorridere. 

L'ESMA ha rilevato un calo registrato nel numero di chiusure automatiche e una riduzione delle situazioni in cui i conti dei clienti sono andati in azioni negative, secondo le nuove regole e restrizioni

Restrizioni ESMA - Rimedi

L'ESMA ha inoltre osservato che intende tenere d'occhio gli intermediari autorizzati nell'UE cercando di incoraggiare i clienti a essere trattati come operatori "professionali" - il che consentirebbe ai broker di offrire a questi clienti maggiori quantità di leva finanziaria, ma richiederebbe loro di rinunciare a certe protezioni offerte ai trader al dettaglio. 

Inoltre, l'ESMA ha affermato di essere a conoscenza che alcune aziende di paesi terzi (ad esempio broker offshore) stanno attivamente contattando i clienti dell'UE; inoltre che alcuni broker CFD con licenza UE stanno commercializzando la possibilità per i clienti al dettaglio di trasferire i loro conti a un terzo all'interno del gruppo, cioè una entità offshore. Hanno inviato una mail ( non marketing) nella quale hanno spiegato che se lo chiedono loro  possono aprire conti trading anche presso filiali off shore. Sebbene ciò sia effettivamente consentito se il cliente avvia la richiesta, non è consentito agli intermediari dell'UE di commercializzare in modo attivo tale possibilità per i clienti. Questo sta succedendo per rimediare alle restrizioni che hanno danneggiato i broker che hanno visto un calo di volumi e scontentato i trader.